Mind-wandering: la mente vagabonda.

Mind-wandering: il vagabondare della mente. Quante volte siamo alla scrivania, intenti nel nostro lavoro e, senza consapevolezza né intenzione, iniziamo a vagare col pensiero? Come è andata l’ultima riunione? Che pensano i colleghi di me? Dove porto la famiglia in vacanza? Lo iscrivo il bambino in piscina quest’anno? Il divagare della mente, conosciuto come mind-wandering,…

Dettagli

Perché le persone chiedono aiuto?

Perché le persone chiedono aiuto au uno psicoterpaeuta? Il più delle volte per la comparsa di un sintomo, solitamente percepito come un’alterazione del proprio modo, unico e personale, di essere. “Non mi sento più come prima”, “Qualcosa sembra cambiato in me”, “Non mi riconosco più”. Queste spesso le descrizioni del malessere di chi decide di iniziare…

Dettagli

Come potenziare l’attenzione.

Attenzione. Potenziarla si può? Certo che si può potenziare l’attenzione! Con qualche stategia e un po’ di disciplina. Partiamo da un dato fondamentale: l’attenzione non è un monolite! Cosa vuol dire? Vuol dire che l’attenzione non è un unico blocco di roccia dura e inscalfibile. Al contrario, per definizione è una funzione flessibile che si…

Dettagli

One thing at a time

Prima regola dell’attenzione “one thing at a time“ L’attenzione può essere migliorata grazie a piccoli ‘trucchi’. Per gestirla al meglio, dobbiamo sapere alcune cose. Partiamo, quindi, dall’inizio e diciamo che l’attenzione non è altro che la gestione delle risorse cognitive. Cosa sono le risorse cognitive? Possiamo immaginarle come il denaro di cui disponiamo nel nostro…

Dettagli